Per un’archeologia del moderno: il portico ovest del giardino