Gorgia e Isocrate: i poteri della parola e la scoperta della letteratura