L’analogia tra tempio e persona. Un caso di “sacramento”?