Bruno Arzeni: un intellettuale tra due mondi