La modernità viene discussa attraverso l’interpretazione di tre momenti – persona testo sistema, significativi sotto il profilo fenomenologico-giuridico e della filosofia del diritto – che investono l’antropologia giuridica, la società complessa, la formazione della testualità delle norme, a partire dal testo sociale, con attenzione alle forme del linguaggio non intese solo come linguistica di tipo logico-formale, ma come luogo originario delle relazioni giuridiche. Il giurista, anche in qualità di interprete, è rivolto alla modernità e ha i piedi piantati nella post-modernità e nella globalizzazione, nella critica ai momenti formativi del moderno nelle ripercussioni che l’assolutizzazione e la purificazione del testo hanno sulla persona: alienazione e estraneazione cominciano ad imporsi come effetti sul diritto, nel momento in cui il testo diventa sistema tramutando la parola in una linguistica analitica funzionale che impone un modello descrittivo. Le questioni sono discusse con riferimento a filosofi, interessati al diritto, – Stein, Legendre, Luhmann – che leggono la modernità come esigenza di ‘uscire da uno stato di minorità’ attraverso una chiarificazione illuministica che trova la sua originaria motivazione nel linguaggio e nella sua destituzione.

Modernità e pensiero giuridico

AVITABILE, Luisa
2013

Abstract

La modernità viene discussa attraverso l’interpretazione di tre momenti – persona testo sistema, significativi sotto il profilo fenomenologico-giuridico e della filosofia del diritto – che investono l’antropologia giuridica, la società complessa, la formazione della testualità delle norme, a partire dal testo sociale, con attenzione alle forme del linguaggio non intese solo come linguistica di tipo logico-formale, ma come luogo originario delle relazioni giuridiche. Il giurista, anche in qualità di interprete, è rivolto alla modernità e ha i piedi piantati nella post-modernità e nella globalizzazione, nella critica ai momenti formativi del moderno nelle ripercussioni che l’assolutizzazione e la purificazione del testo hanno sulla persona: alienazione e estraneazione cominciano ad imporsi come effetti sul diritto, nel momento in cui il testo diventa sistema tramutando la parola in una linguistica analitica funzionale che impone un modello descrittivo. Le questioni sono discusse con riferimento a filosofi, interessati al diritto, – Stein, Legendre, Luhmann – che leggono la modernità come esigenza di ‘uscire da uno stato di minorità’ attraverso una chiarificazione illuministica che trova la sua originaria motivazione nel linguaggio e nella sua destituzione.
9788834888315
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/631014
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact