Centrismo: vocazione o condanna?