Nel saggio introduttivo all'edizione anastatica del De statu hominum naturali di S. Pufendorf sono ricostruite l'occasione della pubblicazione della dissertazione, la sua fortuna e le ragioni di interesse del testo. Il saggio mette a fuoco l'apporto di Pufendorf alla definizione dell'elemento dello stato di natura all'interno del modello concettuale giusnaturalistico e alla formalizzazione di tale stato come luogo della stipulazione del contratto su cui è fondata la società politica o Stato. Viene altresì esaminata l'impostazione metodologica 'more geometrico', finalizzata a una piena emancipazione della sfera giuridico-politica dalla religione e dalla teologia. Abstract in inglese The introduction to the anastatic reprint of S. Pufendorf’s dissertation De statu hominum naturali deals with the circumstances surrounding the publication, the text’s reception and the reasons why it is interesting. The essay focuses on Pufendorf’s contribution to defining the “state of nature” as a constituent element in the conceptual model of natural law and to establishing that state as the place where the contract is drawn up that provides the foundation for political society or State. An examination is also undertaken of Pufendorf’s methodological approach more geometrico, which aimed to free the juridical-political sphere from religion and theology.

De fato et fatali vitae termino

SCHINO, ANNA LISA
1995

Abstract

Nel saggio introduttivo all'edizione anastatica del De statu hominum naturali di S. Pufendorf sono ricostruite l'occasione della pubblicazione della dissertazione, la sua fortuna e le ragioni di interesse del testo. Il saggio mette a fuoco l'apporto di Pufendorf alla definizione dell'elemento dello stato di natura all'interno del modello concettuale giusnaturalistico e alla formalizzazione di tale stato come luogo della stipulazione del contratto su cui è fondata la società politica o Stato. Viene altresì esaminata l'impostazione metodologica 'more geometrico', finalizzata a una piena emancipazione della sfera giuridico-politica dalla religione e dalla teologia. Abstract in inglese The introduction to the anastatic reprint of S. Pufendorf’s dissertation De statu hominum naturali deals with the circumstances surrounding the publication, the text’s reception and the reasons why it is interesting. The essay focuses on Pufendorf’s contribution to defining the “state of nature” as a constituent element in the conceptual model of natural law and to establishing that state as the place where the contract is drawn up that provides the foundation for political society or State. An examination is also undertaken of Pufendorf’s methodological approach more geometrico, which aimed to free the juridical-political sphere from religion and theology.
Schino, ANNA LISA
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/62599
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact