Modello e deformazione. Edgar Allan Poe e l’architettura dell’opacità