Un terremoto elettorale e politico? No e sì