Salvemini, Labriola e il materialismo storico