Il primato della visione nella ricerca di Laszlo Moholy-Nagy