Ripensando il canone: il corpo maschile fra Virgilio e Stazio