La possibile conciliazione della pluralità dei sindacati