Polibio e la memoria della parola: i discorsi diretti