Il codice α.S.5.1. della Biblioteca Estense di Modena tra diacronia e sincronia