The fear of crime and feelings of insecurity of citizens are issues who have acquired a central place in the late-modern society. The city, in particular, is configured as a privileged place for the expression of a common security demand, as well as a space of experimentation for new forms of public intervention in the field of urban security. But what are the social causes of insecurity? And what policies have been put in place in recent years to meet the demand for security of citizens? Starting from a critical examination of the national and international debate on the perception of security and on urban security policies, the authors propose a dialogue between the security demand from the citizens and the offer of security policies by local authorities. This goal is pursued through the analysis of a regional case, that of Lazio region, from the results of two sociological research: a survey on the security perception of citizens in the main Lazio cities (Rome, Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone), and the analysis of safety interventions by local authorities. The proposed analysis offers the opportunity to focus on the reasons of insecurity and on the areas where it is most prevalent, on the preferred policy options by citizens and on the policies implemented at the local level, in order to understand whether and on what level there has been a match between supply and demand in the field of urban security. The book demonstrates once again the importance for public choice to anchor local policies to the knowledge of the phenomena; this also to avoid the temptation of populism in decisive areas of social life such as security issues.

La paura del crimine e il senso di insicurezza dei cittadini sono temi che hanno acquisito uno spazio centrale nelle società tardo-moderne. La città, in particolare, si configura tanto come luogo privilegiato di espressione di una domanda di sicurezza diffusa, quanto come spazio di sperimentazione per nuove forme di intervento pubblico in tema di sicurezza urbana. Ma quali sono le cause sociali dell’insicurezza? E quali politiche sono state messe in campo negli ultimi anni per rispondere alla domanda di sicurezza dei cittadini? Partendo da una disamina critica del dibattito nazionale e internazionale sulla percezione di sicurezza e sulle politiche di sicurezza urbana, gli autori si propongono di far dialogare la domanda di sicurezza da parte dei cittadini e l’offerta di politiche di sicurezza da parte degli Enti territoriali e locali. Tale obiettivo è perseguìto attraverso l’analisi di un caso regionale, quello del Lazio, a partire dai risultati di due ricerche sociologiche: una sulla percezione dei cittadini, l’altra sugli interventi per la sicurezza ad opera degli enti locali. Le analisi proposte offrono spunti di approfondimento in merito alle ragioni dell’insicurezza e alle aree dove essa è più diffusa, alle opzioni di policy preferite dai cittadini e alle politiche implementate a livello locale, per comprendere se e su quali temi vi sia stato un incontro tra domanda e offerta nel campo della sicurezza urbana. Il volume dimostra ancora una volta l’importanza di ancorare le scelte pubbliche alla conoscenza dei fenomeni e alla ricerca, per non lasciare ambiti decisivi della convivenza sociale alla tentazione dell’allarmismo.

Domanda di sicurezza e politiche locali. Il caso del Lazio / GALANTINO, Maria Grazia; RICOTTA, Giuseppe. - STAMPA. - 1049.19(2014), pp. 1-136.

Domanda di sicurezza e politiche locali. Il caso del Lazio

GALANTINO, Maria Grazia;RICOTTA, Giuseppe
2014

Abstract

La paura del crimine e il senso di insicurezza dei cittadini sono temi che hanno acquisito uno spazio centrale nelle società tardo-moderne. La città, in particolare, si configura tanto come luogo privilegiato di espressione di una domanda di sicurezza diffusa, quanto come spazio di sperimentazione per nuove forme di intervento pubblico in tema di sicurezza urbana. Ma quali sono le cause sociali dell’insicurezza? E quali politiche sono state messe in campo negli ultimi anni per rispondere alla domanda di sicurezza dei cittadini? Partendo da una disamina critica del dibattito nazionale e internazionale sulla percezione di sicurezza e sulle politiche di sicurezza urbana, gli autori si propongono di far dialogare la domanda di sicurezza da parte dei cittadini e l’offerta di politiche di sicurezza da parte degli Enti territoriali e locali. Tale obiettivo è perseguìto attraverso l’analisi di un caso regionale, quello del Lazio, a partire dai risultati di due ricerche sociologiche: una sulla percezione dei cittadini, l’altra sugli interventi per la sicurezza ad opera degli enti locali. Le analisi proposte offrono spunti di approfondimento in merito alle ragioni dell’insicurezza e alle aree dove essa è più diffusa, alle opzioni di policy preferite dai cittadini e alle politiche implementate a livello locale, per comprendere se e su quali temi vi sia stato un incontro tra domanda e offerta nel campo della sicurezza urbana. Il volume dimostra ancora una volta l’importanza di ancorare le scelte pubbliche alla conoscenza dei fenomeni e alla ricerca, per non lasciare ambiti decisivi della convivenza sociale alla tentazione dell’allarmismo.
9788891705228
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
9788891705228_Ricotta.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.52 MB
Formato Adobe PDF
2.52 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/559000
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact