Un ballo meccanico tra cinema e pittura