L'addio alla "casa non casa": sul testo di Soph. Phil. 533-534