Conclusioni dello studio SMIRNE. Paziente chirurgico