Alla periferia della sociologia del lavoro