Le ragioni dell'«istituzionalismo socio-giuridico»: Santi Romano e Widar Cesarini Sforza