Il Rapporto nasce con l’obiettivo di fornire un’immagine delle attività economiche connesse alla produzione o all’uso della cultura e della creatività in Italia, di misurare la loro dimensione e gli impatti economici che generano anche a confronto con gli altri Paesi europei, di descrivere la loro distribuzione sul territorio e di mostrare i cambiamenti in atto. La pubblicazione è strutturata in due parti: una prima, in cui si dà conto di ruolo e dinamiche dell’Industria Culturale e Creativa (ICC), un settore composito che, dati alla mano, da un lato sembra operare al di sotto delle sue possibilità e, dall’altro, mostra di aver retto, finora, meglio di altri alla crisi in atto, per varie ragioni e anche grazie al contributo del turismo; una seconda, dove vengono analizzate le caratteristiche della domanda museale in Italia, con particolare attenzione ai “non visitatori”, e stimati gli impatti economici più rilevanti associati alle mostre. Rispetto ad altre indagini già condotte in Italia sullo stesso tema, la ricerca di Civita si caratterizza per una delimitazione più restrittiva dell’industria e per aver focalizzato l’analisi sul settore privato dell’ICC.

Industria culturale e creativa

VALENTINO, Pietro Antonio
2012

Abstract

Il Rapporto nasce con l’obiettivo di fornire un’immagine delle attività economiche connesse alla produzione o all’uso della cultura e della creatività in Italia, di misurare la loro dimensione e gli impatti economici che generano anche a confronto con gli altri Paesi europei, di descrivere la loro distribuzione sul territorio e di mostrare i cambiamenti in atto. La pubblicazione è strutturata in due parti: una prima, in cui si dà conto di ruolo e dinamiche dell’Industria Culturale e Creativa (ICC), un settore composito che, dati alla mano, da un lato sembra operare al di sotto delle sue possibilità e, dall’altro, mostra di aver retto, finora, meglio di altri alla crisi in atto, per varie ragioni e anche grazie al contributo del turismo; una seconda, dove vengono analizzate le caratteristiche della domanda museale in Italia, con particolare attenzione ai “non visitatori”, e stimati gli impatti economici più rilevanti associati alle mostre. Rispetto ad altre indagini già condotte in Italia sullo stesso tema, la ricerca di Civita si caratterizza per una delimitazione più restrittiva dell’industria e per aver focalizzato l’analisi sul settore privato dell’ICC.
978883171547
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/515746
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact