SULLA DIFFICILE RELAZIONE TRA LE SCIENZE DELLA VITA E LE ATTIVITÀ UMANE