Topografia e metafisica nel "Maestro e Margherita" di Michail Bulgakov