La disciplina dettata dagli artt. 431 e 433 c.p.p. dà corpo e sostanza ad una delle caratteristiche del sistema processuale accusatorio: il sistema del doppio fascicolo. (fascicolo del dibattimento/fascicolo del pm.). La scelta operata dal legislatore del 1988 circa l’adozione di un sistema di formazione separata e autonoma dei fascicoli processuali, in funzione della diversa rilevanza probatoria che gli atti in essi contenuti sono destinati ad assumere, rappresenta una delle espressioni più significative e qualificanti del nuovo codice di rito: la separazione netta delle fasi procedimentali dell’indagine e del giudizio, l’una preordinata all’esercizio della azione penale, con atti aventi efficacia limitata e prevalentemente interna a detta fase, l’altra, centralizzata nel dibattimento, quale modello insostituibile di elaborazione probatoria nel contraddittorio delle parti su basi di parità, costituisce l’emblema del processo accusatorio. L’esigenza perseguita dal legislatore con la previsione della formazione separata dei fascicoli (del dibattimento e del p.m.) è dunque quella di precludere ab origine al giudice del dibattimento la materiale disponibilità (e, quindi, l’utilizzabilità a fini probatori) degli elementi raccolti nel corso delle indagini preliminari, destinati a rimanere confinati nel fascicolo del p.m.

La formazione dei fascicoli in contraddittorio / Insom, Flavia. - STAMPA. - (2013), pp. 707-722.

La formazione dei fascicoli in contraddittorio

INSOM, FLAVIA
2013

Abstract

La disciplina dettata dagli artt. 431 e 433 c.p.p. dà corpo e sostanza ad una delle caratteristiche del sistema processuale accusatorio: il sistema del doppio fascicolo. (fascicolo del dibattimento/fascicolo del pm.). La scelta operata dal legislatore del 1988 circa l’adozione di un sistema di formazione separata e autonoma dei fascicoli processuali, in funzione della diversa rilevanza probatoria che gli atti in essi contenuti sono destinati ad assumere, rappresenta una delle espressioni più significative e qualificanti del nuovo codice di rito: la separazione netta delle fasi procedimentali dell’indagine e del giudizio, l’una preordinata all’esercizio della azione penale, con atti aventi efficacia limitata e prevalentemente interna a detta fase, l’altra, centralizzata nel dibattimento, quale modello insostituibile di elaborazione probatoria nel contraddittorio delle parti su basi di parità, costituisce l’emblema del processo accusatorio. L’esigenza perseguita dal legislatore con la previsione della formazione separata dei fascicoli (del dibattimento e del p.m.) è dunque quella di precludere ab origine al giudice del dibattimento la materiale disponibilità (e, quindi, l’utilizzabilità a fini probatori) degli elementi raccolti nel corso delle indagini preliminari, destinati a rimanere confinati nel fascicolo del p.m.
Procedura penale
"fasciolo p.m."; "fascicolo dibattimento"; "separazione fasi procedimentali"
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
La formazione dei fascicoli in contraddittorio / Insom, Flavia. - STAMPA. - (2013), pp. 707-722.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/512725
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact