Sui ‘tempi’ dell’opera: alcune prospettive didattiche