Farmacoterapia dei disturbi depressivi: l'importanza della ricorrenza