"Per amore della verità", "per amore del mondo": Hannah Arendt e la contingenza