Il progetto parte dall’osservazione del luogo, da cui emergono le strategie operative proposte per riqualificare il centro storico di Bisceglie: svuotare, dare vita ad una città più porosa, rifunzionalizzare e riconfigurare i vuoti esistenti con una serie di dispositivi spaziali e formali in modo da creare una nuova struttura di connessione tra le parti, un sistema relazionale di vuoti, pubblici, privati, semipubblici, artificiali o naturali, capaci di accogliere attività ed eventi permanenti e provvisori. stratificare trasformare quella struttura porosa da bidimensionale a tridimensionale, inserendo, sovrapponendo, scavando i vuoti a quote diverse all’interno della orografia articolata che definisce il centro storico. In questo modo spazi di natura differente possono convivere nella stessa area in quanto sovrapposti. innestare una serie di attività produttive, culturali e di servizio alle diverse quote negli edifici abbandonati che valorizzino le risorse locali, il patrimonio storico-artistico e le potenzialità di una struttura morfologica così unica. connettere creare una stretta relazione tra gli spazi, sia quelli sovrapposti che quelli sparsi all’interno del tessuto del centro storico configurare trasformare le diverse situazioni spaziali e le relative suggestioni prodotte dai crolli in figura, mediante una serie di dispositivi, il cui principio formale nasce dalla volontà di ridare senso alle tracce lasciate dai crolli che attraverso operazioni di estrusione, calco e ricucitura ci riconsegnano l’immagine del nuovo

Europan 9- Urbanità europea, città sostenibile e innovazione degli spazi pubblici progetto "Urbanità porosa"

SPIRITO, Gianpaola;
2007

Abstract

Il progetto parte dall’osservazione del luogo, da cui emergono le strategie operative proposte per riqualificare il centro storico di Bisceglie: svuotare, dare vita ad una città più porosa, rifunzionalizzare e riconfigurare i vuoti esistenti con una serie di dispositivi spaziali e formali in modo da creare una nuova struttura di connessione tra le parti, un sistema relazionale di vuoti, pubblici, privati, semipubblici, artificiali o naturali, capaci di accogliere attività ed eventi permanenti e provvisori. stratificare trasformare quella struttura porosa da bidimensionale a tridimensionale, inserendo, sovrapponendo, scavando i vuoti a quote diverse all’interno della orografia articolata che definisce il centro storico. In questo modo spazi di natura differente possono convivere nella stessa area in quanto sovrapposti. innestare una serie di attività produttive, culturali e di servizio alle diverse quote negli edifici abbandonati che valorizzino le risorse locali, il patrimonio storico-artistico e le potenzialità di una struttura morfologica così unica. connettere creare una stretta relazione tra gli spazi, sia quelli sovrapposti che quelli sparsi all’interno del tessuto del centro storico configurare trasformare le diverse situazioni spaziali e le relative suggestioni prodotte dai crolli in figura, mediante una serie di dispositivi, il cui principio formale nasce dalla volontà di ridare senso alle tracce lasciate dai crolli che attraverso operazioni di estrusione, calco e ricucitura ci riconsegnano l’immagine del nuovo
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/495078
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact