La bioetica tra responsabilità e restaurazione