Scienza e democrazia: il caso della bioetica