Il doppio fine dello scettico: fra esercizio del 'logos' e cedimento al 'pathos'