L'assetto istituzionale: il riformismo "necessario"