l'impegno internazionale e nazionale del Governo italiano “post 2010” in materia di Biodiversità è stato sancito nell'aprile del 2009 durante i lavori del G8 Ambiente di Siracusa e successivamente anche nell'ambito del G8 Leader dell'Aquila (luglio 2009) attraverso l'inserimento del tema Biodiversità e il "riconoscimento della Carta di Siracusa come strumento efficace per promuovere una strategia di lungo termine per la conservazione della biodiversità" nella Dichiarazione "Leadership responsabile per un futuro sostenibile" (www.g8italia2009.it). Questo importante appuntamento ha permesso all'Italia di condividere con i Capi di Stato e di Governo di 20 Nazioni una nuova visione per le politiche internazionali e nazionali post 2010. La chiave interpretativa del G8 di Siracusa è stata la diffusione delle tecnologie a basso contenuto di carbonio per consentire ai Paesi emergenti e ai Paesi sottosviluppati uno sviluppo ecosostenibile che possa andare di pari passo all'impegno dell'occidente per la riduzione delle emissioni e per l'efficienza energetica, tramite una alleanza fra nord e sud nel mondo per coniugare ambiente e sviluppo.

La carta di Siracusa. Clima, economia, servizi ecosistemici, scienza e politica / Anzellotti, Ilaria; Piera Di Marzio, ; Bonacquisti, Sandro; Marina, Andreella; Cinquepalmi, Federico; Eugenio, Duprè; Anna Maria Maggiore, ; Oliviero, Montanaro; Alessandro La Posta, ; Luchetti, Damiano; Nicoletta, Tartaglini. - STAMPA. - (2010), pp. 1-20.

La carta di Siracusa. Clima, economia, servizi ecosistemici, scienza e politica

Ilaria Anzellotti
Membro del Collaboration Group
;
Sandro Bonacquisti
Membro del Collaboration Group
;
Federico Cinquepalmi
Writing – Original Draft Preparation
;
LUCHETTI, DAMIANO
Writing – Original Draft Preparation
;
2010

Abstract

l'impegno internazionale e nazionale del Governo italiano “post 2010” in materia di Biodiversità è stato sancito nell'aprile del 2009 durante i lavori del G8 Ambiente di Siracusa e successivamente anche nell'ambito del G8 Leader dell'Aquila (luglio 2009) attraverso l'inserimento del tema Biodiversità e il "riconoscimento della Carta di Siracusa come strumento efficace per promuovere una strategia di lungo termine per la conservazione della biodiversità" nella Dichiarazione "Leadership responsabile per un futuro sostenibile" (www.g8italia2009.it). Questo importante appuntamento ha permesso all'Italia di condividere con i Capi di Stato e di Governo di 20 Nazioni una nuova visione per le politiche internazionali e nazionali post 2010. La chiave interpretativa del G8 di Siracusa è stata la diffusione delle tecnologie a basso contenuto di carbonio per consentire ai Paesi emergenti e ai Paesi sottosviluppati uno sviluppo ecosostenibile che possa andare di pari passo all'impegno dell'occidente per la riduzione delle emissioni e per l'efficienza energetica, tramite una alleanza fra nord e sud nel mondo per coniugare ambiente e sviluppo.
978-88-6060-280-0
biodiversity conservation; governamental strategies
03 Monografia::03a Saggio, Trattato Scientifico
La carta di Siracusa. Clima, economia, servizi ecosistemici, scienza e politica / Anzellotti, Ilaria; Piera Di Marzio, ; Bonacquisti, Sandro; Marina, Andreella; Cinquepalmi, Federico; Eugenio, Duprè; Anna Maria Maggiore, ; Oliviero, Montanaro; Alessandro La Posta, ; Luchetti, Damiano; Nicoletta, Tartaglini. - STAMPA. - (2010), pp. 1-20.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Anzellotti_Carta-di-Siracusa_2010.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 5.91 MB
Formato Adobe PDF
5.91 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/482739
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact