L’interpretazione della rinunzia all’eredità