L’antirealismo della riscrittura