Il diritto tra desiderio e linguaggio: l'autocoscienza in Hegel e l'inconscio in Lacan