Adorno, o l'impossibile autonomia