La valutazione degli apprendimenti scolastici e la falsa contrapposizione tra qualità e quantità