Il paziente che chiede di sbagliare