Tre note per un nuovo commento al "Purgatorio"