Flessibilità del "setting" e lavoro di rete nel trattamento di un adolescente problematico