È risultato vincitore del «Dottorato di Ricerca in Archeologia Orientale» (Roma, XII ciclo) discutendo nel 2002 una tesi sul processo di urbanizzazione nella Mesopotamia meridionale