All'insegna di un “vero maestro”. Bassani e “Paragone”