Oltre lo schermo della TV. Da coreografia a cosmogonia sociale