“Innestando le rose più odorifere del Parnaso in su le spine del Calvario”. L’audacia devota di Giulio Rospigliosi