La post-modernità allo specchio: le città noir