Edoardo Amaldi e il cERN