Nuove normalità o nuove espressioni di disagio?