IL CRITERIO DEL "MORFOLOGICO" SECONDO LABRIOLA